La violenza di genere è il tema della prima edizione dell’ “Adolfo Celi CIRS Messina Short Film Festival 2020”

Promotrici dell’iniziativa sono le associazioni messinesi C.I.R.S. (Comitato Italiano Inserimento Sociale) e Sostieni un paziente a distanza, con la collaborazione della F.N.C. Federazione Nazionale Cinevideoautori, che organizza a Messina il Fotogramma d’Oro Short Film Festival, giunto alla 51esima edizione.

“Violenza di genere” è il tema del concorso, riservato a cortometraggi la cui durata non dovrà superare, preferibilmente, i 10 minuti (titoli di testa e di coda compresi).
I cortometraggi potranno essere realizzati anche con smartphone e dovranno avere come argomento la violenza di genere in tutte le sue forme. Ogni autore potrà presentare fino ad un massimo di due corti.
Termine ultimo per l’iscrizione è il 15 maggio 2020.
I file delle opere da iscrivere al concorso e la copia del Modulo d’iscrizione, debitamente compilato e firmato, dovranno essere inviati esclusivamente tramite WeTransfer, o supporti similari, alla seguente mail: sostieniunpazienteadistanza@gmail.com. Alla mail potranno essere allegati eventuali foto di scena e del regista.
Per maggiori informazioni e/o chiarimenti è possibile consultare e scaricare il Bando integrale riportato in fondo all’articolo, insieme al file del Modulo di iscrizione.

Vi diamo ora qualche informazione sulle associazioni promotrici del Festival.

CIRSLa nascita del C.I.R.S., allora C.I.D.D. – Comitato Italiano di Difesa morale e sociale della Donna, risale al 16 febbraio 1950, quando un gruppo di donne politicamente attivo fondò il C.I.D.D. con l’obbiettivo primario di studiare le condizioni reali delle “case chiuse”, sostenendo il progetto di legge che ne stabiliva l’abolizione e contestualmente prevedeva l’assistenza alle donne che decidessero di “cambiare vita”. La suddetta legge fu approvata nel 1958 e divenne nota col nome di “Legge Merlin”.

La Sede Provinciale di Messina, già operativa dal 1957, fu costituita ufficialmente nel 1959; a presiederla fu nominata la Sig.ra Maria Celeste Celi Curatolo, la quale si impegnò a costituire una rete di rapporti sociali, coinvolgendo forze socio-culturali, politiche e religiose cittadine, per programmare tutte quelle attività volte al recupero di donne in stato di disagio.
L’obiettivo prioritario fu quello di restituire alle donne in difficoltà quella dignità morale che esperienze di vita complesse avevano messo in crisi. L’opera di assistenza si è svolta inizialmente con interventi sul territorio, nei quartieri sottosviluppati della città.

Maria Celeste CeliIl C.I.R.S. Messina, presieduto da Maria Celeste Celi (nella foto a fianco), ha istituito la “Casa Famiglia” per donne e minori in situazioni di rischio sociale e la “Casa rifugio“, ad indirizzo segreto per donne e minori vittime di violenza. Il progetto scaturisce dall’esigenza di rispondere in maniera concreta alle urgenze di donne e minori vittime di violenza fisica e psichica, che necessitano di immediata accoglienza in regime di protezione e non.
E’ fondamentale garantire a chi subisce violenza la possibilità di sfuggire a tale fenomeno, aiutando la donna a ricostruire la propria vita e la propria dignità come persona, liberandola dall’oppressione, dalla paura … dal “silenzio”.

L’associazione Sostieni un paziente a distanza, invece, è stata costituita a Messina nel 2016 su iniziativa di Donatella Lisciotto, (nella foto sotto) Membro Ordinario della Società Psicoanalitica Italiana, socio fondatore e Segretario scientifico del LaboratorioFullSizeRender Psicoanalitico Vicolo Cicala di Messina e portato avanti dagli psicologi Letterio Gatto, Marco Liotta, Cinzia Musicò, Dayana Raffa e Fabrizia Strangio. Il progetto dell’associazione Sostieni un paziente a distanza è rivolto alle persone in stato di difficoltà psichica e sociale che, pagando un contributo simbolico di 2 euro, potranno ricevere sostegno psicologico. L’obiettivo è di dare la possibilità anche a coloro che appartengono alle fasce socio-economiche più svantaggiate di usufruire della cura psicologica. ll progetto Sostieni un Paziente a Distanza ricopre un ruolo interessante anche da un punto di vista culturale e preventivo. Favorire la cura psicologica anche alle persone in difficoltà economica o a basso reddito si traduce in un miglioramento culturale a vantaggio della collettività.

SostieniIl progetto è attuato mediante la sottoscrizione, da parte di donatori, di contributi liberali e l’organizzazione di attività ed eventi culturali. I fondi raccolti sono destinati a coprire i costi della macchina organizzativa del progetto, ovvero il lavoro degli psicologi coinvolti.
In particolare, i fondi serviranno alla realizzazione di un supporto psicologico individuale a cadenza settimanale e di laboratori espressivi di gruppo.

Nel progetto s’intrecciano pertanto due priorità, quella di dare alla singola persona l’opportunità di riscattare il proprio benessere e quella di promuovere le competenze di giovani professionisti motivati a fare la propria parte per una società migliore.
Il riconoscimento della dignità del singolo individuo, attraverso il suo bisogno di benessere, è progresso civile.
Dare ai giovani psicologi la possibilità di operare nel loro settore consente una crescita professionale e dunque culturale, che dal singolo si estende all’intera comunità.

Siamo certi che saranno numerosi i corti partecipanti, per il valore sociale dell’iniziativa e per l’attualità del tema da trattare.

L’iscrizione dei corti è gratuita.

Bando Celi SFF

MODULO ISCRIZIONE

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...